Giancarlo De Carlo: l’architetto di Urbino

Titolo: Giancarlo De Carlo: l’architetto di Urbino
Autore: Emanuele Piccardo (a cura)/
Soggetto: architettura /
Anno: 2019 /
Lingua: italiano /
Pagine: 368 (Volume I) /116 (Volume II)
Formato: 15×21 cm /
Legatura:  brossura /
isbn: 978895459356
Prezzo: /€ 40,00

       

L’opera di De Carlo è legata indissolubilmente alla città di Urbino, uno dei centri dell’Umanesimo, sede della corte del Duca Federico da Montefeltro, che ha ospitato letterati, pittori, intellettuali. Questa ricerca è divisa in due volumi. Il primo volume indaga il rapporto tra De Carlo e Urbino attraverso il tema del progetto delle sedi universitarie nei palazzi rinascimentali e la realizzazione del campus universitario fuori le mura, con una serie di saggi che raccontano la città ideale decarliana ispirata alle teorie e alle architetture dell’architetto rinascimentale Francesco di Giorgio Martini. La lezione di Urbino viene poi adottata in altri luoghi e contesti, dal Piano di Rimini al Quartiere IACP di Mazzorbo, dal recupero del quartiere genovese di Prè al borgo della Colletta di Castelbianco. Il secondo volume racconta il rapporto tra De Carlo, la sua opera e i fotografi da Gabriele Basilico a Cesare Colombo, da Antonio Garbasso a Italo Zannier, Giorgio Casali, fino al corposo lavoro svolto da Emanuele Piccardo su gran parte delle architetture decarliane. Giancarlo De Carlo: l’architetto di Urbino attraverso materiali, documenti, fotografie inedite e nuove vuole colmare il vuoto bibliografia che ha accompagnato l’opera decarliana fino a oggi.

Il volume I riguarda i saggi storico-critici sull’opera architettonica di Giancarlo De Carlo, mentre il volume II tratta del rapporto tra De Carlo e la rappresentazione fotografica della sua opera con fotografie di Gabriele Basilico, Giorgio Casali, Cesare Colombo, Antonio Garbasso, Kunst Shule Zurigo, Duccio Malagamba, Peter Smithson, Italo Zannier ed un saggio fotografico di Emanuele Piccardo su gran parte delle architetture decarliane a Urbino, Bordighera, Mazzorbo, Colletta di Castelbianco.

Indice

Introduzione di Stefano Boeri
Emanuele Piccardo, L’architetto di Urbino
Franco Bunčuga, Giancarlo De Carlo, anarchico a modo suo
Andrea Vergano, La città attraverso i piani
Gianluca Annibali, Riflessioni sulla norma urbanistica: il progetto come processo
Lorenzo Mingardi, L’espansione della città oltre le mura
Marco Scarpinato, Giancarlo De Carlo in Tunisia
Aldo van Eyck, Il college universitario di Urbino di Giancarlo De Carlo
Andrea Canziani, I Collegi di Urbino. Storia di una controidea
Laura Baratin, Alice Devecchi, Francesca Gasparetto, Progettare la conservazione degli interni e degli arredi dei collegi universitari
Emanuele Piccardo, Oltre Urbino c’è architettura
Andrea Vergano, Rimini e Genova. Le tracce impercettibili del progetto
Lorenza Comino, Colletta di Castelbianco: progettare la città storica e i documenti di archivio
Dialogo con Carlo Giovannini
Dialogo con Emma Serra
Dialogo con Brunetto De Batté
Dialogo con Antonio Vecchi
Sede Centrale Università, Urbino 1952―1960
Collegi universitari, Urbino 1961―1983
Case per Cooperativa Piansevero, Urbino 1962
Quartiere La Pineta, Urbino 1963
Piano Regolatore, Urbino 1964
Facoltà di Legge, Urbino 1966―1968
Facoltà di Magistero, Urbino 1968―1976
Piano regolatore, Rimini 1970―1972
Residenze a Mazzorbo, Venezia 1979―1995
Progetto di recupero di Prè, Genova 1981―1983
Riuso del villaggio, Colletta di Castelbianco 1994―1998